A partire da febbraio 2017 i browser Google Chrome (versione 56) e Mozilla Firefox (versione 51) etichettano i siti http:// come non sicuri, per incoraggiare all’abbandono del vecchio protocollo http:// a favore di https, conosciuto anche come SSL.

Questo accadrà nelle pagine:

  • che richiedono informazioni di pagamento, come i dati della carta di credito (http://, solo Chrome);
  • che richiedono informazioni di login, come password, che siano dedicate, a discesa (dropdown), incluse (embedded) o Javascript/Json (http://);

Successivamente etichetterà tutti i siti non-https/no-SSL come non sicuri per chi naviga in incognito, perché questi utenti hanno una maggiore aspettativa di privacy.
Infine etichetterà tutti i siti non-https/no-SSL come non sicuri.

Un miglioramento necessario, a tutela di tutti noi, ma che potrebbe confondere i tuoi visitatori, nel peggiore dei casi allontanarli dal tuo sito.

Inoltre, nel 2016 negli Usa, il 45% dei risultati che appaiono nelle prime 10 posizioni di Google utilizza crittografia https (SSL).
Fonte: Searchmetrics Ranking Factors – Rebooting for Relevance – US 2016, searchmetrics.com.

Per saperne di più

I nostri piani

Non preoccuparti: puoi adattarti a questo cambiamento in modo semplice e veloce.
Se scegli un nostro piano, ti diamo una garanzia in più: attiveremo una serie di controlli automatici che renderanno il tuo sito WordPress meno attacabile da parte di hacker e malware.